MUSA1.png

Il progetto MUSA

un paesaggio rivelato

Un paesaggio che si legge come un libro di storia, quello della valle marchigiana del fiume Potenza, importante corridoio di comunicazione tra gli Appennini e l’Adriatico che, fin dall’antichità, unisce non solo gli Appennini al mare, ma anche l’Oriente all’Occidente.
Ancora oggi, percorrendo questa vallata, è possibile ammirare i segni di quell’osmosi creatasi fra le diverse culture presenti nel territorio e le varie influenze provenienti dall’area del Mediterraneo e per questo, per dare evidenza ad un contesto storico, artistico e culturale di particolare rilevanza, nasce il MUSA, il Museo Archeologico della valle del Potenza.
Questo Museo - nuovo non solo perché appena nato ma soprattutto perché frutto di un nuovo modo di ragionare e affrontare la storia di un luogo e l’archeologia che lo contraddistingue - intende proporre all’attenzione del visitatore un affresco storico capace di rappresentare, in maniera affascinante e coinvolgente, il racconto di tre millenni di vita nelle Marche, trascorsi in una vallata dal fascino speciale.
MUSA è il Museo Archeologico diffuso della Valle del Potenza e abbraccia tutta la vallata che ospita il fiume Potenza. Il MUSA comprende i territori di Castelraimondo, Pollenza, Treia, Macerata, Potenza Picena e Porto Recanati. All’interno del Castello Svevo di Porto Recanati è visitabile la mostra archeologica permanente dal titolo “Storia di un paesaggio rivelato” che presenta i risultati delle ricerche condotte, lungo l’intera vallata del fiume Potenza, dall’Università di Gent (Belgio), alla scoperta delle modalità di insediamento delle antiche comunità tra Età del Ferro e età tardo antica (Potenza Valley Survey Project, 2000-2017).
 
progetto.jpg